Home Attualità Economia La Cina deve adattarsi a una crescita sostenibile
La Cina deve adattarsi a una crescita sostenibile

La Cina deve adattarsi a una crescita sostenibile

1
0

La Cina deve adattarsi a una crescita sostenibile

 


Fonte: http://spanish.peopledaily.com.cn

 

La crescita del PIL della Cina ha rallentato al 7,5% nel secondo trimestre, un minimo storico dal 1990, che è in linea alle aspettative degli economisti. Alcuni mezzi di comunicazione esteri hanno commentato in modo pessimista l'evoluzione economica cinese, ma l'abbassamento delle previsioni in varie occasioni negli ultimi anni non hanno influito sull'opinione pubblica nazionale cinese.

 

Il tasso di crescita  del 7,5% corrisponde alla politica macroeconomica del governo centrale, dato che la Cina sta indirizzando la sua economia da un periodo ci crescita veloce a una transizione verso una crescita moderata, che deve essere funzionale al raggiungimento di un'economia più sostenibile che si sviluppa a un ritmo relativamente veloce.

Alcuni cambiamenti verranno condotti a termine in questo nuovo periodo di sviluppo e la cosa più importante è far sì che la società si adatti a questi cambiamenti e raggiunga un consenso fermo su un nuovo ritmo di sviluppo. Un rallentamento nella crescita del PIL ha poco impatto nella strategia nazionale. Un tasso di crescita intorno al 7% è sufficiente per adempiere gli obiettivi della Cina di duplicare il proprio PIL nel 2020 e costruire una società moderatamente agiata in modo generalizzato. Molte analisi hanno dimostrato che una crescita più veloce potrebbe presentare più problemi che benefici, compromettendo sia molte risorse naturali che l'ambiente.

 

Dalla prospettiva dell'ascesa cinese, il fatto che PIL prima o poi superi quello statunitense, non è un obiettivo intenzionale, poichè l'aumento a livello mondiale del PIL della Cina viene visto come un processo naturale, è più importante condurre lo sviluppo nazionale e la sua riforma in modo graduale.

Dato che lo sviluppo economico veloce viene considerato un successo eccezzionale del governo del Partito, alcuni si preoccupano che una crescita più lenta possa danneggiare l'immagine del partito e del governo. Sebbene, senza ombra di dubbio, una crescita del 7% è comunque un tasso forte a livello mondiale.
  
Mentre l'economia cinese cresce a un ritmo relativamente veloce la spinta del sistema politico cinese per lo sviluppo continuerà ad essere evidente. Ad oggi non c'è stato nessun segnale evidente che l'opinione popolare si stia preoccupando di questi dati di crescita più contenuti.

 

Senza dubbio, la sfida maggiore proviene dall'impiego. Le opportunità di lavoro, specialmente nell'ambito di salari alti, saranno più basse mentre l'economia si raffredda. Va sottolineato che l'impiego generato da una crescita troppo veloce non è sostenibile, e spesso si relaziona con la costruzione ridondante e l'eccesso di sviluppo industrale. Il pubblico cinese ha mantenuto la razionalità e una mente fresca, in generale, sino ad ora. Ma nel futuro esiste la possibilità che qualcuno possa porre il raffreddamento dell'economia come un problema.

Il governo deve migliorare la comunicazione con il popolo, segnalando che la riforma strutturale è nei suoi interessi di lungo termine.

 

Il rallentamento della crescita economica non significa bassa crescita e un'economia cinese inattiva. Il mantenimento di una crescita sostenibile continua ad essere la politica economica basilare della Cina.

 


Far sì che il pubblico si adatti e si abitui a una crescita economica moderata e far sì che si renda conto delle proprie brillanti prospettive e delle diverse opportunità per lo sviluppo individuale assicureranno che l'aggiustamento strutturale della Cina abbia successo.

  

 

(1)

tags:

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti