Home Cultura Pedoclastia: i danni dell’educazione cristiana sui minori e sulla società

Pedoclastia: i danni dell’educazione cristiana sui minori e sulla società

1.74K
0

Si può uccidere un figlio per amore?

Davvero il bene deriva dal sacrificio umano di un predestinato? Chi destina il proprio figlio al martirio è un dio, un genitore o un assassino? Semplici domande che sono già constatazioni che lasciano sgomenti. Il paradigma su cui il cristianesimo cattolico fonda i propri insegnamenti sono ispirata da una visione perversa dei rapporti affettivi nella famiglia e si rivelano una apologia organizzata in forma di prescrizione di fede dei peggiori istinti figlicidi tipici della distruttività umana. La religione non è una semplice 'rappresentazione' dell'inconscio, ma si pone come prescrizione morale e concreta forma di educazione suggestiva, traumatica, del personalità nascente dell'individuo. La conseguenza è inevitabilmente l'instaurarsi di componenti sadiche e masochiste nell'Io della persona, nei suoi rapporti affettivi, nel modello di relazioni sociali che ne consegue. A cura di Sergio Martella

(1735)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti