Home Società Genere Salviamo i Consultori. Claudia Bella

Salviamo i Consultori. Claudia Bella

3.94K
0

La proposta di legge Tarzia in discussione alla Regione Lazio ha spinto le donne singole e riunite in associazioni e comitati a mobilitarsi.
Il Coordinamento Donne della Cgil di Roma e del Lazio ha organizzato il convegno: “La Proposta Tarzia non parla di Noi! Salviamo i Consultori”. Intervento di Claudia Bella, Responsabile del Coordinamento Donne della Cgil Roma e Lazio. Servizio a cura di Salima Balzerani.
“Con questa proposta si vuole cancellare l’istituzione dei consultori, come strutture sanitarie laiche e accoglienti, nei confronti di qualunque pensiero e qualunque scelta. Secondo questa proposta, infatti, i servizi consultoriali verranno affidati alle associazioni di famiglie che hanno come scopo la difesa della vita fin dal suo concepimento e il servizio pubblico, è testuale, andrà in subordine rispetto a queste associazioni private.
Entreranno nei consultori l’esperto in bioetica, l’esperto in antropologia della famiglia, l’esperto in metodi naturali di contraccezione, tutti senza un titolo riconosciuto. Le donne avranno “il dovere di collaborare” (testuale) e dovranno mettere per iscritto quando rifiutano di dare in adozione il bambino invece di abortire.
Il personale tradizionale dei consultori (in attesa della sua estinzione) rimarrà ben dietro le linee e potrà intervenire solo dopo che le associazioni avranno finito il loro lavoro di convincimento. Le associazioni faranno tutto ciò gratis et amore dei? Certo che no, verranno ricompensate con apposite detrazioni fiscali e finanziamenti.
Poco importa se i soldi per le donne sono così pochi che verranno aiutate sole le madri che hanno meno di 500 euro al mese (soglia di povertà).
Per la Tarzia l’importante è intercettare immediatamente le donne, che vengono a cercare un’assistenza rispettosa nei consultori, per infliggergli una predica alla quale non si potranno sottrarre.
Alla Casa Internazionale delle Donne si è formato un coordinamento che raccoglie associazioni femministe, sindacati e cittadine e cittadini per difendere questa conquista di civiltà delle donne del Lazio.” Le parole sono di Lisa Canitano, ginecologa e Presidente dell’Ass. “Vita di Donna”, pubblicate sul sito: www.zeroviolenzadonne.it

(3942)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti