Home Attualità Politica SINISTRA : L’Altra Europa con Tsipras entra in Parlamento

SINISTRA : L’Altra Europa con Tsipras entra in Parlamento

1.48K
0

SINISTRA : L'Altra Europa entra in Senato

Intervista al senatore Francesco Campanella

A cura di Roberto Pietrucci


Nata come lista per le elezioni europea, con i Senatori Francesco Campanella e Fabrizio Bocchino oggi L’Altra Europa con Tsipras entra nel Parlamento, in quello che è un cammino della sinistra per la costruzione di un soggetto unitario. Una giornata importante perché, come sottolinea l’europarlamentare Eleonora Forenza “avere una presenza nel Senato italiano significa poter creare una continuità di azione politica con le battaglie portate avanti nel Parlamento europeo, perché è sempre più urgente costruire una alternativa politica forte al socialismo europeo, appiattito sulle posizioni dei popolari come abbiamo visto sia in occasione del dibattito sulla Grecia che nel voto sul TTIP”.
La presidente del Gruppo Misto Loredana De Petris (SEL) ha salutato la nascita di questa componente nel Gruppo Misto come “un elemento importante per rafforzare il cammino comune verso un soggetto unitario a sinistra”.
Bia Sarasini de L’Altra Europa con Tsipras ha sottolinato il senso di questa scelta che “cade in una giornata particolare, difficile per la Grecia e per lo stesso Tsipras. Noi sosteniamo la Grecia, lasciata sola nel conflitto contro l’Europa, perché per poter sostenere una idea politica di sinistra non si può stare rinchiusi negli spazi nazionali, è nello spazio comune europeo che si può mettere in discussione la governance europea, una governance a trazione tedesca”.
Per il senatore Francesco Campanella “Il passaggio odierno è uno dei primi passi nella direzione della creazione di qualcosa di molto più grande, che non sia pura testimonianza, necessaria ma non sufficiente: un soggetto che si ponga come forza di governo di questo paese e dell’Europa. Un approccio opposto a quello del Partito Democratico che incarna una politica europea che ha corroso quei valori che ne facevano dell’Europa uno dei posti più belli dove vivere, dove libertà si coniugava con solidarietà”.

(1482)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti