Home Cultura CILE : DAWSON ISLAND 10 di Sergio Bitar – Ministro di Salvador Allende

CILE : DAWSON ISLAND 10 di Sergio Bitar – Ministro di Salvador Allende

953
0

DAWSON ISLAND 10

intervista con l’autore del libro Sergio Bitar (ministro di Allende)


Il golpe militare dell’11 settembre 1973 segnò per sempre la storia del Cile e del suo popolo. Dawson Isla 10 costituisce un’appassionante cronaca sulle condizioni di vita e le esperienze quotidiane degli alti dirigenti politici e sociali del governo di Unidad Popular di Salvador Allende che sopravvissero alla dittatura. Deportati su un’inospitale isola della Patagonia, 17 anni dopo ricostruiranno la democrazia in Cile. L’intero libro di Bitar è una eccezionale testimonianza del periodo in cui egli fu detenuto per oltre un anno in Patagonia nel più meridionale campo di concentramento della storia. Questo libro è il racconto della prigionia condivisa con alti funzionari del governo democratico di Allende e una toccante testimonianza volta a preservare la memoria per le nuove generazioni. Dal libro, già tradotto in molte lingue e ora anche in italiano, è stato tratto l’omonimo film del 2009.
Sergio Bitar, noto uomo politico cileno (Santiago del Cile, 1940) compie studi di ingegneria in Cile e di economia in Francia e negli Stati Uniti. Si dedica alla politica militando nella sinistra cristiana, divenendo uno tra i più giovani ministri del governo socialista di Salvador Allende, come responsabile del delicato dicastero delle Miniere. Arrestato durante il golpe del 1973, viene deportato nell’Isola di Dawson. Esule per dieci anni, vive prima negli Stati Uniti e poi in Venezuela, dove si dedica con successo all’attività imprenditoriale. Nel 1984 fa rientro in Cile, dove milita nell’opposizione di centro sinistra alla dittatura di Pinochet. È stato più volte parlamentare e ha ricoperto le prestigiose cariche di ministro della Pubblica istruzione sotto il presidente Ricardo Lagos e di ministro delle Opere pubbliche con Michelle Bachelet, per la quale ha curato la campagna elettorale del 2009.

(953)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti