Home Attualità LEGALITA’ E REPRESSIONE : L’ordine pubblico come fine

LEGALITA’ E REPRESSIONE : L’ordine pubblico come fine

1.30K
0

LEGALITA' E REPRESSIONE

L'ordine pubblico come fine : i dispositivi del contenimento sociale

Il secondo incontro del ciclo di seminari "Vagli a spiegare che è primavera", sul tema dei dispositivi di magistratura e polizia:


Gli apparati di polizia e sicurezza e di ordine pubblico in senso lato (come salvaguardia dello Stato e dello status quo) appaiono oggi come un ibrido: soggetto politico e apparato di polizia al tempo stesso. Essi hanno di fatto sostituito la politica sul versante sociale. Si è così venuto costituendo come un soggetto politico-poliziesco che ha compito di controllare e contenere il disagio e il dissenso sociale, un'attività governamentale che si svolge su più piani e implica relazioni di potere plurime, coinvolgendo, tra gli altri, anche il sistema di informazione

 


LA POLIZIA ITALIANA

Abstract (a partire da Palidda, 2015, The Italian Police Forces, in stampa in “European Journal Policing Studies”)


Il testo propone la descrizione e un’analisi delle forze di polizia in Italia. L'approccio adottato si situa fra storia sociale e politica e, soprattutto, nello studio della costruzione sociale e quindi delle pratiche sociali nell’organizzazione politica della società. Per meglio analizzare la costruzione sociale delle polizie italiane propongo di pensarla come una delle diverse istituzioni sociali coinvolte nella sperimentazione continua dell’organizzazione politica della società. Le ricerche sulle polizie italiane sono ancora molto rare. Questo articolo fa riferimento soprattutto a ricerche dal 1990 a oggi oltre che ad altre sugli affari militari, agli studi storici e anche ad alcuni documenti e conoscenze accumulate in inchieste giudiziarie e reportage affidabili.

Lo studio di ogni forza di polizia (a livello nazionale o locale) deve essere situato nella storia politica di un paese.
Evitando l'uso corrente di "modelli", penso che sia fondamentale cercare di comprendere la costruzione sociale delle polizie e quindi le loro pratiche nell’organizzazione politica della società (come sinonimo dello Stato).
Le forze di polizia italiane hanno molte somiglianze, ma anche alcune differenze rispetto alla polizia dei paesi detti democratici e più sviluppati, alcune differenze fra loro stesse e anche all'interno della stessa polizia.
Mi sembra subito indispensabile precisare che la polizia non è un "la burocrazia a livello della strada" (the street level bureaucracy), ma una delle varie istituzioni sociali coinvolte nella continua sperimentazione volta a produrre l’organizzazione politica alla società.
In tale organizzazione, la polizia può avere un ruolo di primo piano solo se riesce a raggiungere un accordo con i più importanti attori locali e nazionali, e se guadagna abbastanza popolarità.
Questo successo non corrisponde necessariamente all'applicazione delle norme scritte nei codici dello stato di diritto e nelle direttive delle autorità politiche.
In concreto, la polizia è in grado di giustificare la sua esistenza solo attraverso una mediazione continua tra le norme e le sue pratiche (che possono essere informali e non sempre legali) all’interno della vita sociale di tutti i giorni, barcamenandosi fra le direttive dall'alto e le aspettative o richieste della popolazione locale che conta.
La legittimità non è sempre legalità; la legittimazione della polizia sta nella capacità di agire “al meglio” (o alla meno peggio) per il funzionamento della società locale, e come forza di disciplinamento e di repressione (controllo e punizione);
La polizia contribuisce così a regolare la relazioni economiche, sociali e quindi politiche, soprattutto perché garantisce la riproduzione della gerarchia sociale, che è il motore dell'economia.
Tale regolamentazione comporta una reale difficoltà nel discernere e limitare l'uso improprio o l’abuso della discrezionalità che è insita al suo potere.
E’ sulla base della sua discrezionalità che alcune illegalità sono tollerate e altre sono considerate intollerabili.
Le pratiche della polizia rispondono raramente al rispetto rigoroso delle norme dello stato di diritto (fra altri si veda Egon Bittner) ma più spesso, in parte a direttive dall’alto o più spesso a ciò che è socialmente legittimato, cioè richiesto, voluto o solo approvato da quella parte della popolazione che conta e che comunque assicura alla polizia il consenso e quindi la legittimazione (legittimità non è sempre legalità anzi può essere illegalità e persino criminalità) (vedi Foucault sugli illegalismi ecc.).
In questo campo in particolare, è necessario pensare che c'è sempre coesistenza di autoritarismo e democrazia, di stato di eccezione e di apparente normalità democratica (cfr. Conflict …, 2010), (in particolare fra gestione violenta e gestione pacifica del disordine, fra legittimità e legalità … la legittimità può giustificare anche pratiche illecite se non criminali).
Sia in uno stato di diritto reazionario che in quello democratico, questa coesistenza si riproduce sempre, variando solo l’accentuazione di uno e dell’altro aspetto a seconda delle congiunture; così in certi periodi prevale la gestione pacifica e in altri quella violenta, ma entrambe coesistono sempre.

E' sempre possibile, quindi, l'anamorfosi dello stato di diritto democratico, cioè la possibilità di passare da una traduzione pratica più o meno coerente delle norme di legge verso l'adozione di norme informali, illegali e addirittura criminali. Essa appare evidente nel caso italiano a causa delle difficoltà storiche di conciliare diversi gruppi di interesse locali, nazionali e transnazionali (… 1992).
I comportamenti antidemocratici se non fascisti e razzisti delle forze di polizia sono evidenti non solo quando queste forze sono a volte violente, fasciste o 'semplicemente' criminali, ma anche e ancor più quando condividono pratiche che sono socialmente legittimate. Le pratiche autoritarie non sono solo le scelte dei poteri, corrispondono anche al senso comune fra la parte della popolazione che ha interiorizzato il discorso di potere (Foucault, 2004).
Le ricerche sulle polizie italiane sono state e sono ancora rare (Palidda, 2000; della Porta e H. Reiter, 2004); questo vale anche per le ricerche empiriche sulle carceri, sull'amministrazione giudiziaria e, in generale, sulla pubblica amministrazione a livello nazionale e locale.

 

Qualche riferimento bibliografico
Banton, M., The policemen in the community, London, Tavistock, 1964
Banton, M., "The Sociology of the Police", in Police Journal, , 1971, 44, 227-243
Banton, M., "The Sociology of the Police II", in Police Journal, , 1973, 46, 341-362
Banton, M., "The Sociology of the Police III", in Police Journal, , 1975, 48, 299-315

Baratta A. (1998), Il privilegio della sicurezza, http://www.ristretti.it/areestudio/territorio/opera/documenti/politiche/baratta.htm

Bergès M., "Michel Foucault et la police", in Loubet Del Bayle (J-L) (a cura di), Police et société, Tolosa, Presses de l'Institut d'Etudes Politiques de Toulouse, 1988, pp. 315-361.

Bittner, E., Aspects of police work, Boston, Northestern University Press, 1990
Bittner, E. (1970) The Capacity to use Force as the Core of the Police Role », in E. Bittner, The Functions of the Police in Modern Society, available at https://www.ncjrs.gov/pdffiles1/Digitization/147822NCJRS.pdf

Canosa R., (1976), La polizia in Italia dal 1945 ad oggi, Bologna, il Mulino

Corso Guido (1978) L’ordine pubblico, Il Mulino, Bologna.
Droit Roger-Pol (2004), Foucault. Entretiens, Odile Jacob, Paris
Fischer N. and Spire A., eds., 2009. L'État face aux illégalismes, “Politix”, 3/87.

Davis J.A., 1988, Conflict and Control. Law and Order in 19th Century Italy, London, MacMillan (traduzione italiana 1989, F. Angeli).

D'Orsi Angelo (1972) La Polizia Il potere repressivo. Le forze dell'ordine italiano. Feltrinelli (1976, Il potere repressivo.La polizia, Feltrinelli).

Delumeau, J., 1978, La Peur En Occident, Parigi, Pluriel,
Delumeau J., 1990, Rassurer et protéger. Le sentiment d'insécurité dans l'Occident d'autrefois, Parigi, Fayard

Deleuze G. (1990): "Les sociétés de contrôle", l'Autre Journal, mai, pp. 111-114

Foucault M. Sorvegliare e punire, Parigi, Gallimard
Foucault, M. Sicurezza territorio e popolazione
Foucault M. Nascita della biopolitica

– – –

Gleizal J.J., Le désordre policier,  Parigi, PUF, 1985.

Mastropaolo A. (1986): "L'Etat ou l'ambiguïté. Hypothèses pour une recherche", Revue Française de Science Politique, vol. 36, n°4, Août, pp. 477-495

Reiner, R., 1985 (2a ed. 1992), The politics of the police, Sussex, Wheatsheaf

Tonry M., Morris N. (a cura di), "Modern Policing", Crime and Justice. A Review of Research, vol.15, 1992
della Porta D. e Reiter H. (2003) Polizia e protesta. L’ordine pubblico dalla Liberazione ai «no global», Il Mulino, Bologna 2003

Pajno A., 2010. La sicurezza urbana, ASTRID, Maggioli Editore, http://www.astrid.eu/Sicurezza-/Note-e-con/index.htm

Bachschmidt C. (Ed.) (2011), Black bloc. La costruzione del nemico, Rome: Fandango Libri

Barnao, C. and Saitta, P. (2012), Autoritarismo e costruzione di personalità fasciste nelle forze armate italiane: un’autoetnografia, “I quaderni del Cirsdig”, 50, 3-28

Chantraine, G. and Salle, G. (2013) «Pourquoi un dossier sur la ‘délinquance en col blanc’?», Champ pénal/Penal field [En ligne], Vol. X | 2013, http://champpenal.revues.org/8555 ; DOI : 10.4000/champpenal.8555

Dal Lago, A & Palidda S. (Eds.), (2010) Conflict, security and the reshaping of society: The civilisation of war. London: Routledge.

www.oapen.org/download?type=document&docid=391032
Monjardet D. (2008), Notes inédites sur les choses policières 1999-2006, edited by Ocqueteaux and Chauvenet, Paris: La Découverte

Palidda, S. (1992), “L'anamorphose de l'Etat-Nation: le cas italien”; Cahiers Internationaux de Sociologie, 1992, vol. XCIII, pp.269-298,

http://www.jstor.org/discover/10.2307/40690507?uid=3738296&uid=2129&uid=2&uid=70&uid=4&sid=21102275811027
Palidda, S. (2000). Polizia postmoderna. Etnografia del nuovo controllo sociale. Feltrinelli.
Palidda, S. (2008), Mobilità umane. Cortina.
Palidda (2011)(ed.), Razzismo democratico : www.agenziax.it/wp-content/uploads/user_pictures/2013/…/razzismo-democratico.pdf

(1296)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti