Home Attualità Lavoro WFTU denuncia la politica omicida nelle miniere della Turchia
WFTU denuncia la politica omicida nelle miniere della Turchia

WFTU denuncia la politica omicida nelle miniere della Turchia

1
0

La Segreteria della Federazione Sindacale Mondiale ha accolto con grande dolore le notizia della tragedia che è costata la vita ad almeno 200 minatori e il ferimento di molti altri durante l'esplosione di una miniera di carbone a Soma, Turchia circa 250 km a sud di Istanbul, di proprietà di Soma Komur Isletmeleri AS il 13 maggio 2014.


La miniera di proprietà privata e la politica orientata al profitto, che taglia la  tecnologia all'avanguardia e la manutenzione periodica, la mancanza criminale di misure di sicurezza adeguate e l'intensificazione del lavoro sono le vere cause dietro l'esplosione che ha colpito il generatore, causando  un incendio e si è conclusa con l'avvelenamento da monossido di carbonio di centinaia di minatori.

Questo non  è stato un  incidente e non un caso isolato, decine di infortuni sul lavoro e mortali si verificano durante tutto l'anno nelle miniere della Turchia.  L’FSM denuncia il governo della Turchia e le società che sfruttano le miniere per la loro omicida mancanza di misure di sicurezza e chiede la fine della privatizzazione della ricchezza del popolo, le risorse naturali, l'ammodernamento della tecnologia utilizzata nelle miniere, l'applicazione immediata dei  controlli di sicurezza e l'applicazione di tutte le misure necessarie in tutte le miniere per proteggere la vita delle persone che vi  lavorano.

La Federazione Sindacale Mondiale esprime le sue condoglianze alle famiglie e ai cari delle vittime e chiede il risarcimento integrale immediato alle famiglie delle vittime e ai lavoratori infortunati.

(1)

USB

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti