Home Attualità Lavoro Chrysler italiana o Fiat multinazionale non più italiana?
Chrysler italiana o Fiat multinazionale non più italiana?

Chrysler italiana o Fiat multinazionale non più italiana?

31
0

La Fiat per 3,65 miliardi di dollari rileva il 41,5 % della Chrysler fino ad ora di proprietà del fondo sindacale VEBA ed acquisisce il pieno controllo della terza società automobilistica statunitense.

La borsa gli regala immediatamente un + 16% e la stampa del nostro paese grida gioiosa alla “caduta in mani italiane” del colosso americano.


Si gioisce della presunta vittoria italiana e si tralascia di dire che la Fiat, non più italiana da un pezzo, è da tempo una multinazionale che con l'acquisizione della Chrysler diventa ancor più una società che opera e produce a livello internazionale.

D'altra parte da tempo l'Italia non è più la sede produttiva principale e la delocalizzazione è andata di pari passo con la drastica riduzione di quella degli stabilimenti italiani, con conseguente chiusura di fabbriche, di reparti, di linee e cassa integrazione elargita a pioggia e per periodi sempre più lunghi.

Marchionne, che ha residenza in Svizzera e sembra paghi le tasse in Italia con un'aliquota ridotta di un terzo rispetto a qualsiasi altro contribuente, risparmiando così centinaia di migliaia di euro l'anno, è riuscito in un'impresa che ha potuto concretizzarsi soltanto attraverso la prossimità alla finanza internazionale che conta, alla condivisione della politica italiana di centro-destra e di centro-sinistra e alla “collaborazione” di Cgil, Cisl e Uil.

In pochi anni ha ridotto la maggiore industria italiana ad un “cassaintegratificio” eliminando il conflitto sociale e soprattutto limitando il costo del lavoro, facendo pagare il tutto ai lavoratori ed ai cittadini, ha delocalizzato la maggioranza delle produzioni aumentando i propri profitti con i quali ha acquisito la Chrysler, acquisendo così una dimensione internazionale rilevante.

Mentre negli Stati Uniti la Chrysler aumenta le vendite e gli utili, in Italia la promessa di Fabbrica Italia si è rivelata per quello che era: una bufala che serviva a tener buoni i lavoratori sino a quando il ruolo internazionale della Fiat non fosse decollato definitivamente: nessun investimento rilevante in Italia, cassa integrazione a piene mani, nessun nuovo modello.

In questo scenario il ruolo di Cgil, Cisl e Uil è stato distruttivo. La disinformazione fatta tra i lavoratori e nel paese ha di fatto favorito i disegni di Marchionne e la stessa Fiom che si era opposta al piano Fiat, ha poi via via ammorbidito le proprie posizioni, sino ad arrivare in questi giorni ad una vera e propria resa del vertice del sindacato Cgil dei metalmeccanici che è oggi occupato principalmente a fare le scarpe alla alleata congressuale Camusso, addirittura alleandosi con Renzi che da mesi fa la corte a Marchionne.

E allora la politica ed i media italiani dovrebbero contare almeno sino a dieci prima di magnificare il trionfo dell'industria italiana.  L'acquisizione della Chrysler vuol dire essenzialmente ulteriore spostamento della produzione e dell'occupazione fuori dal nostro paese e chi oggi chiede in modo supplichevole che “si faccia qualche cosa anche per la Fiat in Italia” o non ha capito nulla o mente sapendo di mentire.

I lavoratori devono ora aprire definitivamente gli occhi e ricominciare a fare conflitto sui posti di lavoro, nelle fabbriche e nei territori, mandare a quel paese il sindacato “complice” e chiedere a gran voce alla politica ed allo stato di far restituire alla proprietà Fiat quanto sino ad oggi elargito dai contribuenti italiani sotto forma di aiuti di stato, di agevolazioni e soprattutto di ammortizzatori sociali.  Con quello che abbiamo dato agli Agnelli ed alla proprietà in questi decenni, la Fiat avremmo potuto comprarla 10 volte!
 

(31)

USB

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti