Home Attualità Lavoro Minatori: scontri a Madrid

Minatori: scontri a Madrid

2.85K
0

MINATORI : SCONTRI A MADRID

Dopo la "marcia negra" comincia la repressione della polizia


 

Spagna, tensione per la "marcha negra": scontri tra polizia e minatori.
Tensione a Madrid dove si è volta la "marcha negra" dei minatori del carbone che protestano per i tagli agli aiuti che minacciano il settore. Le forze dell'ordine hanno sparando pallottole di gomme. Il bilancio è di 43 feriti e 5 arresti.
Tra i feriti, tutti non gravi, vi sono 26 minatori, 12 poliziotti e anche due giornalisti. I minatori, sostenuti da migliaia di manifestanti, si sono concentrati dinanzi al ministero dell'Industria, di fronte a una barriera di poliziotti in tenuta antisommossa.

Il braccio di ferro tra minatori e governo va avanti da un mese, dopo che Madrid ha deciso di ridurre i sussidi al settore dai 301 milioni di euro dell'anno scorso ai 111 di quest'anno. I sindacati sono scesi sul piede di guerra: con i tagli, hanno denunciato, si mettono a rischio non solo gli 8mila minatori spagnoli ma anche le 30mila persone che lavorano nell'indotto del settore.


 

Madrid: il corteo dei minatori si trasforma in guerriglia. Feriti e arresti

di Marco Santopadre per Contropiano.org

La grande manifestazione dei minatori nel centro di Madrid diventa una battaglia con la polizia. Pietre e petardi contro lacrimogeni e pallottole di gomma: decine di feriti e vari lavoratori arrestati. E' finita la pace sociale?

A decine di migliaia avevano marciato nella seconda metà della mattinata sotto il sole implacabile di Madrid. Migliaia di minatori e familiari arrivati dalle Asturie, dal Leon, dall’Aragona e dalle province minerarie della Castiglia e dei Paesi Baschi. Ma anche migliaia di attivisti delle organizzazioni sindacali, di esponenti dei movimenti sociali, di giovani richiamati in piazza dall’arrivo nella capitale della ‘marcia nera’ che ieri aveva fatto il suo ingresso trionfale a Madrid accolta da una folla straripante ed entusiasta.

Partita alle 11 da Plaza Colon la manifestazione, minatori in testa, ha attraversato mezza Madrid in maniera relativamente tranquilla, anche se la tensione si tagliava con il coltello, raccontano i media iberici.
Nelle ultime ore l’esecutivo di destra aveva ribadito che non tornerà indietro rispetto al già deciso taglio dei due terzi dei sussidi pubblici finora erogati all’industria del carbone, condannando così a morte l’intero settore e migliaia di minatori alla disoccupazione. L'esecutivo Rajoy non aveva neanche previsto un incontro con i rappresentanti dei sindacati, negando ogni forma di dialogo, anche solo formale. Come se non bastasse nelle ultime ore è arrivato l’ok del governo ad una serie di tagli e nuove tasse che si abbatte come un terremoto su milioni di lavoratori, giovani e pensionati.

Man mano che il corteo si avvicinava alla sede del Ministero dell’Industria la tensione è andata aumentando. Fino a che sono scoppiati violenti scontri tra i minatori e alcuni gruppi di attivisti da una parte e centinaia di agenti in tenuta antisommossa dall’altra. La Polizia avrebbe giustificato l'intervento contro i manifestanti con la necessità di evitare che i minatori penetrassero all'interno del perimetro realizzato con le transenne intorno alla sede ministeriale.

Quando i cordoni della Policia Nacional si sono lanciati in violente cariche contro il corteo proprio all’altezza della sede governativa, i minatori invece di disperdersi hanno risposto lanciando sassi, bottiglie e petardi.
La polizia da parte sua ha fatto abbondante uso di gas lacrimogeni e ha sparato un numero spropositato di pallottole di gomma, spesso ad altezza d'uomo.
Gli scontri sono durati a lungo e mentre scriviamo il bilancio ancora provvisorio registra 43 feriti. Per lo più si tratta di tra manifestanti, di cui una bambina di soli 11 anni. Ma tra coloro che hanno dovuto far ricorso alle cure mediche ci sono anche due giornalisti, colpiti dalle pericolosissime pallottole di gomma sparate in maniera indiscriminata dai poliziotti. I minatori arrestati sarebbero finora otto.
Sia tra i feriti sia tra gli arrestati si registra un alto numero di donne. Anche 33 agenti della Policia Nacional hanno lamentato contusioni.

Scontri si sono registrati anche a poche centinaia di metri di distanza: un altro gruppo di manifestanti, all'esterno dello stadio del Real Madrid (il Santiago Bernabeu), ha lanciato pietre e lattine contro gli agenti urlando "Via, via".

 


 

Appello di solidarietà con i minatori spagnoli in lotta
25 giugno 2012

APPELLO DI SOLIDARIETA’ PER I MINATORI SPAGNOLI IN LOTTA

Noi sottoscritti esprimiamo la più totale solidarietà ai minatori Spagnoli hanno iniziato uno sciopero generale per difendere i loro posti di lavoro dal primo giugno. Intere aree delle Asturie e di Leon sono diventate campi di battaglia tra i minatori e le loro famiglie e le forze di polizia in tenuta anti-sommossa.
La lotta dei minatori è una reazione alla decisione del governo di destra del Partito Popolare di tagliare i sussidi per l’industria mineraria di oltre il 60%, minacciando così 8mila posti di lavoro diretti nel settore minerario e probabilmente, circa altri 30 000 che dipendono dall’industria mineraria nelle zone interessate. Se questi piani verranno portati avanti ciò significherebbe la morte economica per le aree minerarie. La disoccupazione in Spagna è già ad un livello record del 24%, mentre la disoccupazione giovanile è del 52%. Negli ultimi 20 anni, già 40 000 posti di lavoro sono stati persi nel settore minerario in Spagna. Questo è ciò che rende la lotta dei minatori una questione di vita o di morte.
L’ Unione Europea aveva già costretto alla fine dei sussidi per il 2018, ma questa decisione del governo ha dato alla lotta un senso di urgenza ed un obiettivo comune.

Diamo il nostro totale appoggio alla lotta dei minatori spagnoli.


Giorgio Cremaschi ex Presidente nazionale FIOM CGIL ; Sergio Bellavita segreteria Nazionale FIOM CGIL ;Antonello Tiddia operaio RSU Carbosulcis CGIL ; Elisabetta Fois tecnico RSU Carbosulcis CGIL ;Enrico Pitzianti regista ;Marco Santopadre giornalista ; Il minuto notizie mediterranee ; Marco Rizzo segretario generale CSP – Partito comunista ;Paolo ferrero segretario nazionale PRC ; CSP –Partito comunista ;Partito della Rifondazione comunista ;PRC Sardegna ;Roberto Puddu segretario generale CGIL Sulcis -Iglesiente ; Sandro Mereu minatore RSU Carbosulcis CGIL ;Dante De Angelis ferroviere RLS Trenitalia ; Fabrizio Burattini Direttivo Nazionele CGIL ; Tiziana Pisu segreteria Filctem sulcis –iglesiente ;Gigi Malabarba operaio Alfa di Arese in pensione;USB Sardegna ;Enrico Lobina consigliere comunale Cagliari PRC ; Giovanna Mulas scrittrice e attrice ; Gabriel Impaglione poeta ;Vincenzo Pillai pensionato CGIL ; Daniele Sepe musicista ;Tzoku gruppo musicale ; Dr Drer & CRC posse gruppo musicale ;Eugenio Campus scrittore; Salvatore Sardu regista – documentarista ; Alessandro Zolo musicista ;Gianni Fresu storico ; Fabrizio Ortu Sinistra critica sarda ; Jacopo Venier direttore Libera TV ;Gisella Trincas Associazione sarda per l’attuazione riforma psichiatrica ; Leonardo Masella ex consigliere regionale Emilia Romagna ;Mauritziu Faedda operaio ;Doriana Goracci pensionata e Blogger ; Giovanna Bastone CSP – partito comunista segretaria provincia di milano ;Nicola Culeddu Ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche ;Casa del popolo Bosa ;Erwin Ibarra antiquario Bosa;Cinzia Porcheddu scultore ; Salvatore Corriga lavoratore Rockwool ; Roberta Nacci Portavoce Movimento Telcom Ostuni ;Sergio Murenu lavoratore Eurallumina ;Nicola Tradori RSU CGIL cassaintegrato ex zuccherificio Villasor ;Angelo Ledda docente in pensione ; Rossana De Santis Dottore in ricerca ;Matteo Murgia Presidente associazione Don Chisciotte Cagliari ;Roberto Loddo Presidente Associazione 5 novembre cagliari ;Luciana Pintus commerciante Bosa; Collettivo Comunista ( marxista –leninista ) Nuoro; Comitato cassintegrati Alitalia “Overbookfa” ; Amerigo Sallustri lavoratore comune Milano ; Giovanna Frisoli lavoratrice comune Milano ;Patrizio Carrus pensionato ;Luisella caria Medico chirurgo ; Manuela Piras commerciante ; Rete 28 aprile CGIL ; Antonio Moscato docente di storia del movimento operaio ; Claudia Zuncheddu consigliere regionale Sardegna – Alessandra Pintus assessore prc – provindia Sulcis –Iglesiente ; Sardigna Libera ; Sinistra critica sarda ;Partito Comunista dei lavoratori Sardegna ; Comunisti Uniti ; Checchino Antonini vice direttore Erre – giornalista di Liberazione; Coordinamento lavoratori autoconvocati ;Alessandro Perrone cassantegrato Eaton Monfalcone; Cagliari social forum ; Anghelu Marras Portavoce Sindacadu de sa Natzione sarda ; Salvatore Drago pensionato USB ; Maria Grazia Appeddu comitao No galsi Sardegna ;Livia Medda disoccupata ; Gianluca Berutti lavoratore precario anarchico ;Luca martinelli RSU e direttivo provinciale Filctem cgil Bergamo ;Terra sociale Genzano ; Comunisti insieme per l’opposizione di classe a Roma ; Danilo Monaro segretario di coordinamento Sindacadu de sa Natzione sarda; Massimiliano Murgo, Fiom Marcegaglia Buildtech; Riccardo De Angelis, rsu Flmu Cub Telecom Italia, Roma; Renato Caputo, rsu Flc Cgil;Andrea Fioretti, rsa appalti Selex; Francesco Cori, Coordinamento Precari Scuola; Alessandro Perrone, Fiom cassintegrati Eaton Monfalcone; Riccardo Filesi, coord. cassintegrati Overbooked Alitalia; Luca Climati, Usb Inps Roma; Roberto Villani, rsu Usb Scuola; Paolo Agrestini operaio precario Roma; Fabrizio Cottini, Fiom Cgil Sielte; Sante Marini, Fiom Cgil Alcatel Alenia; Maurizio Bacchini, Fiom Cgil Baxter SpA Roma; Marina Citti, Cgil Menarini SpA Pomezia; Claudio Simbolotti, ferroviere Usb; Federico Giusti, rsu Cobas Comune di Pisa ; Sindacadu de sa Natzione Sarda ; Mariella Cao attivista antimilitarista ; Gianluigi Deiana insegnante ; Brunella Caddeo insegnante Rimini ; Maria Pina Chessa insegnante – federazione della sinistra ; Nicola Cazzola – Inoccupato Basilicata – membro comitato centrale CSP – Partito comunista ; Monica Chiofi Comunista libera ; Piero Murgia militante comunista ;Alberto Atzori operaio precario ; Luigi Manca minatore Carbosulcis ; Gino Meloni ex minatore carbosulcis;Luciano Matta operaio Carbosulcis ; Matteo Sabiu tecnico Carbosulcis ; Pietro Piras lavoratore Carbosulcis ;Marco Giola musicista ; Gianluca Serventi docente IC Savio Giba attivista Progres ; Rossana Carta dipendente statale Sassari ;Giada Tiddia studentessa; Alessio Economou Associazione Italia Cuba Pavia ; Fabio Visetti CSP – Partito comunista ;Fabrizio Bordicchia tecnico carbosulcis ; Tina Ortu casalinga ; Collettivo democrazia partecipata Monserrato ;Gabriele Ara PRC Sassari ; Bruno Deidda operaio Carbosulcis ;Fausto Piras operaio Carbosulcis;Carlo Pitzalis commerciante ; Maria Luisa Loche insegnate Liceo scientifico " Mariano IV d’Arborea " Oristano ;Walter Pittoni Arezzo ;Salvatore Vicario disoccupato redazione resistente.org ;Giovani comunisti Pavia – Federazione Ferruccio Ghinaglia ;Gruppo ambientalista " rosso Centrano " ;Moreno Idili ;Giuseppe Loddo ;Alessandro esposito ;Sandro Corrias operaio Carbosulcis ;Marco Setzu operaio Carbosulcis ;Achille Corrias operaio carbosulcis : Nicola Anedda tecnico Carbosulcis ;Giorgio Damele tecnico Carbosulcis ;Gigi Contini tecnico Carbosulcis ;Antonello Congia minatore Carbosulcis ;Antonello Cherchi operaio Carbosulcis ;Gianni Pala operaio Carbosulcis ; Fausto Zucca minator Carbosulcis ; Franco Loi operaio carbosulcis ;Federico Tiddia operatore volontariato ;Luigi Cuneo disoccupato ; Mauro Cincotti pensionato Calasetta ;Pietro Nardoni faccendiere a casa mia disoccupato ; Luca Lai Carbonia ;L’intero Movimento dei Cassintegrati Telcom di Ostuni è solidale ai Minatori spagnoli in Lotta!!Roberta Nacci ; Oronzo Morelli ; Paolo Saponaro ;Oronzo Morelli ;Francesco Epifani ;Rocco Prete ; Marzio Leonardo Giuseppe Epifani ;Antonio Bellanova ;Francesco Sozzi ;Fabrizio Forleo ;Luciano Apollinare ;Domenico Semeraro ;

Per adesioni all’appello : mail : antonio.tiddia@alice.it tel . 338/5931619 Adesioni

(2851)

tags:

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti