Home Attualità Lavoro Torino, 9 ottobre 2010. 10.000 contro patto sociale e ‘filosoFiat’

Torino, 9 ottobre 2010. 10.000 contro patto sociale e ‘filosoFiat’

1.66K
0

L’intervento di P.Leonardi a chiusura della manifestazione di Torino.

10.000 lavoratori dietro un enorme striscione con scritto ‘NO al modello Fiat, no al patto sociale, no ai sindacati complici’ hanno attraversato i quartieri operai di Torino dalla porta 5 Mirafiori fino al Lingotto.

Una manifestazione orgogliosa e consapevole della posta in gioco. Non solo la difesa dei posti di lavoro e delle tutele nelle aziende del gruppo Fiat, i cui striscioni aprivano il corteo, ma la volonta’ di impedire che l’aggressione in corso al mondo del lavoro arrivi a compimento.

“Schiavi mai” era la scritta che una dozzina di operai torinesi in catene portavano orgogliosamente subito dopo lo striscione di apertura, salutati da applausi lungo tutto Corso Traiano e poi dalle finestre delle case operaie di via Nizza. E poi la Sevel, Cassino, Mirafiori e i compagni della Confederazione Cobas della Fiat e ancora i vigili del fuoco e i migranti, i giovani dei Blocchi precari metropolitani e gli occupanti delle case, i dipendenti pubblici e i precari a rispondere unitariamente all’attacco in corso.

Nonostante l’assordante silenzio mediatico che ha accompagnato la preparazione di questa straordinaria manifestazione, studenti, popolo viola e numerosi rappresentanti di forze politiche della sinistra hanno portato il proprio contributo, segno che la scelta di portare a Torino una manifestazione nazionale del mondo del lavoro ha trovato consensi anche nella galassia politica.

Un segnale chiaro e’ arrivato oggi dal Lingotto, tra i fumogeni ed il lancio di uova: nessuna divisione del mondo del lavoro deve passare e non si puo’ e non si deve affidare ad una categoria, pur forte ed attrezzata, la difesa degli interessi di tutti perche’ tutti, in tutte le categorie, hanno bisogno del sindacato combattivo e conflittuale.

La confederalita’, la generalizzazione delle lotte, la volonta’ e la capacita’ di “connettere le lotte” perche’ nessuno resti solo davanti alla ferocia del capitale e dei padroni sono gli ingredienti giusti per essere davvero il sindacato che serve ai lavoratori; oggi ne e’ stato costruito un altro pezzo.

(1659)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti