Home Cultura L’arme e gli amori io canto
L’arme e gli amori io canto

L’arme e gli amori io canto

4
1

Il romanzo ricostruisce l'atmosfera ideale della corte di Urbino, fatta di colte e raffinate conversazioni, intrattenimenti poetici e musicali. Tutto ciò viene spezzato dall'arrivo, nel giugno del 1502, di Cesare Borgia, che con un agguerrito esercito marcia sul Montefeltro per conquistarlo e strapparlo al legittimo duca Guidubaldo, figlio del ben più noto Federico III, che aveva realizzato in Urbino la "Città ideale", un luogo in cui la perfezione architettonica era strettamente congiunta al buon governo e alla felicità dei sudditi. Da qui prende avvio il romanzo. In esso i protagonisti, uomini e donne del loro tempo, con le loro passioni e sentimenti, con i gesti, le parole, i servigi e i doni, creano come una sorta di rete magica che si dipana intorno ad essi, intorno all'oggetto del loro amore e, infine, anche al lettore.

(4)

Comment(1)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti