Home Attualità OMOFOBIA – Parla Marco Coppola. Aggredito perchè gay

OMOFOBIA – Parla Marco Coppola. Aggredito perchè gay

2.36K
0

OMOFOBIA

ABBRACCI IL TUO RAGAZZO? E IO TI MENO BRUTTO FR…O

Intervista al presidente di Arcigay Verbania Marco Coppola


Marco Coppola, presidente di Arcigay Verbania e membro della segreteria nazionale Arcigay, è stato aggredito e picchiato, sabato 17 marzo 2012, in una discoteca eterosessuale di Luino dove era andato con altre sette persone a ballare.

Il motivo dell'aggressione? Stava ballando abbracciato al suo ragazzo (ed è bello notare che se i gay se ne vanno in posti solo per gay, si "ghettizzano", se invece vanno in posti non gay, "provocano" e "ostentano" — come dire che non devono avere il diritto di andare da nessuna parte!).

Marco racconta i fatti e commenta spiegando perché l'assenza di una legge contro l'omofobia in Italia produce paradossi come quello per cui se lui avesse aggredito chiamandolo "sporco marocchino" il suo aggressore, che è nordafricano, sarebbe stato punibile in base alla legge Mancino sui crimini d'odio, mentre il fatto che costui abbia aggredito Marco chiamandolo "frocio", per lo Stato italiano è una questione privata fra lui e Marco.

Per le persone eterosessuali è impensabile l'idea d'essere aggredite per strada e mandate al pronto soccorso UNICAMENTE perché camminavano abbracciate al proprio fidanzato o alla propria moglie, invece questa cosa avviene continuamente quando si è gay o lesbiche. Tanto che molti eterosessuali non riescono neppure a credere che possa succedere. Ma negare la realtà è solo uno dei modi, il più subdolo, per fare in modo che tutto continui così, senza mai cambiare.


(2361)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti